fbpx

Cannella

14

MARZO, 2014

La cannella è una spezia molto usata nel mondo e le sue origino sono in India e Sri Lanka dove cresce naturalmente. In Europa viene utilizzata sin dal sedicesimo secolo.

La parola antica “cannella” (Kinnamon) ha origini fenice, ed era considerata così di pregio da essere data in dono ai nobili e offerta agli Dei. Prima del settimo secolo a.C. veniva importata solo dal Bangladesh, India, Birmania, Sri Lanka. Gli antichi greci usavano queste spezie per insaporire il vino e l’assenzio, il primo riferimento lo troviamo addirittura in una poesia di Saffo (600a.C.); secondo la mitologia di Erodoto (storico greco del 400a.C.) sia la cannella sia la cassia crescevano in Arabia con l’incenso e la mirra, protetti da due serpenti alati.

La bibbia ebraica inoltre nomina diverse volte questa spezia, la ritroviamo con Mosè e nei Proverbi, dove viene usata per profumare il letto degli amanti. Plinio, autore naturalista romano vissuto nel 1 secolo a.C., parlava del commercio di questa spezia a Roma. Si narra inoltre che l’imperatore Nerone al funerale della moglie Poppea (65 a.C.) abbia bruciato cannella per il valore di un anno di fornitura dell’intera città di Roma.

Quanta storia dietro la cannella!

Ai Nostri Giorni

Noi conosciamo la cannella come viene venduta nei nostri negozi: in polvere o in stecche. La cannella è usata specialmente per insaporire biscotti, torte e dolci, mentre in altre tradizioni viene usata anche per dare sapore a carne, verdure, curry e salse.

La cannella in polvere è più saporita di quella in bastoncini ma allo stesso tempo mantiene meno le sue caratteristiche che vanno dal forte e piccante al dolce e morbido. Di cannella ne esistono quattro tipi: cassia originaria dall’Arabia e dall’Etiopia, cannella vera originaria dallo Sri Lanka, malabathrum originaria dal nord dell’India, serichatum originaria dalla Cina.

“Ricetta”

Chai tea

Il chai tea è una bevanda usata da molti secoli in India e trova le sue origini nei testi di medicina Ayurveda di oltre 5000 anni fa. Secondo questa antica medicina le spezie contenute in questa bevanda calmano la mente, la rivitalizzano e donano chiarezza, un antidoto perfetto per la nostra vita piena di stress. In più la presenza di cannella aiuterà a scaldare le tue giornate invernali.

Ingredienti

  • 1 bastoncino di cannella o un cucchiaino di cannella in polvere
  • 1/2 cucchiaino di pepe nero in grani
  • 2 semi di cardamomo
  • 3 cucchiaini di chiodi di garofano
  • 1/2 cucchiaino di zenzero fresco
  • 1 cucchiaino di miele
  • 100ml di latte a piacere

A piacere aggiungere

  • 1/2 cucchiaino di tè nero in polvere
  • q.b. polvere di vaniglia o cacao

Le spezie in questa bevanda sono molto forti quindi possono essere variate a piacere.

Preparazione

Mettere tutti gli ingredienti in un pentolino e portare a ebollizione. Abbassare così la fiamma e far cuocere per 15 minuti. Lasciar freddare per qualche minuto. Versare in una tazza filtrando il tutto con un passino così da non versare anche le spezie.

Enjoy!

Benefici

Quasi sempre la cannella si ferma in cucina e non tutti sanno che da secoli rientra nella medicina cinese e Ayurveda poiché i suoi benefici sono molteplici;

Eccone alcuni:

  • antiossidante
  • cura il raffreddore
  • riduce gli zuccheri nel sangue
  • riduce il colesterolo LDL (quello cattivo)
  • facilita la digestione
  • anti infiammatoria
  • aumenta le funzioni cerebrali
  • aumenta la memoria
  • proprietà antibatteriche
  • è un conservante naturale
  • contiene magnesio
  • contiene calcio
  • contiene ferro
  • contiene fibre

Molti di questi benefici possono essere raggiunti anche solo utilizzando da 1/2 a 1 cucchiaione al giorno da aggiungere ai tuoi piatti o semplicemente bevuto in latte o nella tua bevanda preferita.

Lo Sapevi che…

• ti aiuterà a perdere peso: se hai voglia di dolce e non vuoi perdere la linea puoi usare la cannella come dolcificante o per insaporire i tuoi dolci. La cannella addolcirà naturalmente ciò che prepari e tu soddisferai la tua voglia di zucchero evitando di mangiare una torta intera!

• è facile da usare anche se non sei uno chef: la puoi aggiungere allo yoghurt, sopra il cappuccino, nel frullato, sui cereali, sulla frutta e sui dolci.

• usala dopo i pasti in una tisana per aiutare la digestione o eliminare il reflusso

Scopri Altri Articoli

YIN YOGA

Meditazione – Dhyana

YIN YOGA

I 10 comandamenti della bellezza per essere più belle da subito!

YIN YOGA

Perché abbiamo le voglie?

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi